La scuola tradizionale di kyudo alla quale il Seikoku Kyudo Kai fa riferimento è la Heki-Ryu Insai-Ha. Heki-Ryu significa scuola Heki, dal nome del fondatore della scuola.

Insai-Ha significa invece ramo Insai. La scuola originaria ha infatti avuto varie ramificazioni, alcune delle quali ancora oggi attive come ad esempio, oltre la Heki-Ryu Insai-Ha, la Heki-Ryu Chikurin-ha e la Heki-Ryu Sekka-ha.

La tecnica di tiro della Heki To-Ryu deriva direttamente dai tiro utilizzato in battaglia dai samurai. Trattandosi di un tiro da guerra era importante non solo colpire il bersaglio ma anche farlo con una forza tale da perforare l’armatura del nemico. Per questo motivo la tecnica si è affinata per garantire la massima efficacia possibile.

Del fondatore della nostra scuola, Heki Danjo Masatsugu, non si conosce molto, tanto che alcuni storici ne hanno addirittura messo in dubbio l’esistenza. Secondo le informazioni di cui disponiamo, visse in Giappone nel periodo Muromachi tra il 1443 e il 1502. A quell’epoca il Giappone era suddiviso in molti piccoli feudi, costantemente in guerra fra loro. Tale frammentazione si rifletteva anche sul tiro con l’arco. Ogni feudo aveva infatti i propri maestri di Kyudo e sviluppava una propria scuola. Heki Danjo Masatsugu, arciere di straordinaria abilità, rivoluziono la tecnica di tiro dell’epoca. La scuola Heki originale si ramificò successivamente in numerose scuole. Sebbene i suoi insegnamenti originari non siano oggi conosciuti, è indubbio che il Kyudo praticato oggi derivi principalmente dalla scuola Heki e dalle sue ramificazioni.

Yoshida Issuiken Insai (1561-1638) fu colui che fondò il ramo Insai della scuola Heki. A lui, più che a Heki Danjou Masatsugu, risale la tecnica di tiro Heki-Ryu Insai-Ha che conosciamo oggi. A partire da lui lo sviluppo della scuola di kyudo e la successione dei vari maestri che la capeggiarono è ben noto. Anch’egli fu un arciere di straordinaria abilità tanto che la sua fama era diffusa in tutto il Giappone. Dopo la battaglia di Sekigahara (1600) fu chiamato dallo Shogun Tokugawa Ieyasu a Edo (l’attuale Tokyo) come suo insegnante di Kyudo. Da quel momento la scuola poté fregiarsi dell’appellativo Heki To-Ryu, che significa scuola Heki dello Shogun.

A Urakami Naoki (1828-1905) nato a Okayama, si deve l’introduzione nella nostra scuola della fase di Sanbun No Ni (la pausa a due terzi dell’apertura completa). Dopo la Restaurazione Meiji avviò inizialmente un kyudojo a Osaka. Nel 1900 si trasferì a Tokyo. Nel 1905, divenne Kyoshi della Dai Nippon Butokukai (organizzazione di arti marziali giapponese esistente prima della seconda guerra mondiale).

Urakami Sakae (1882-1971) è una delle figure più importanti per il Kyudo del secolo scorso, fu tra i membri fondatori della ANKF (All Nippon Kyudo Federation).

Iniziò a praticare il tiro con l’arco giapponese sotto la guida di suo padre, Urakami Naoki. Nel 1927 ottenne il titolo di Hanshi dalla Dai Nippon Butoku Kai. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, nel 1953,  divenne anche Hanshi della ANKF e, nel 1957,  decimo Dan. E’ stato autore di numerosi libri sul Kyudo.

In tempi moderni studi, portati avanti dal Maestro Inagaki Genshiro (1911-1995), 9° dan Hanshi, presso l’università di Tsukuba in Giappone, e successivamente dai suoi allievi hanno confermato scientificamente l’efficacia della tecnica di tiro adottata dalla scuola Heki.

Seikoku Kyudo Kai - Khan chu kyu - Heki To Ryu

Calligrafia del Maestro Inagaki riportante il motto della scuola: kan chu kyu (colpire sempre con forza)